mercoledì 12 marzo 2008

Pajata al forno


Ingredienti:

500 gr di pajata di agnello (se reperite quella di vitello è piùgrande e saporita)
2 carote
2 patate
1 cipolla rossa
vino bianco
sale e aromi (timo, rosmarino, alloro)
Da quando mi sono trasferita (ormai lontano settembre 2000) ho sempre cercato di assaggiare la cucina romana, essendo di origini marchigiane molti piatti si assomigliano, ma questo non l'avevo mai mangiato prima di qualche mese fa, rifarlo in casa non è facile perchè difficilmente lo trovi al supermercato, questa volta sono stata fortunata e ho voluto sperimentare. Premetto che io l'ho mangiata solo al sugo e allo spiedo sulla brace quindi ero completamente ignorante su come farla al forno, come pulirla e prepararla, per fortuna il mio "Talismano della Felicità" mi ha dato una mano. Innanzitutto si deve spellare, basta inciderla e la pelle tirando dovrebbe venire quasi via da sola, bisogna stare attenti per non far uscire il liquido interno, quindi si devono legare le due estremità con uno spago da cucina, in modo di avere tante grandi ciambelle (in cottura si riducono), va lavata e messa un po' a macerare in acqua e un goccino di aceto. Ieri la ricetta l'ho un po' inventata, però il risultato è stato ottimo. Ho sfumato una cipollina rossa tagliata sottile con del vino bianco e sale, ho aggiunto le carote e poi la pajata che avevo prima insaporito con sale e aromi ho saltato un po' in padella e prima di infornare ho aggiunto le patate che avevo precedentemente sbollenato e insaporito, in forno a 180° per mezzora circa, mescolando di tanto in tanto.
p.s: scusate le foto spero di riavere presto la mia macchinetta!

14 commenti:

Guhn ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
SenzaPanna ha detto...

Buona la pajata, pensavo l'avessi fatta arrosto sulla brace :)

Ma quella di vitello non è ancora vietata?

raissa79 ha detto...

Ho voluto sperimentarla al forno e devo dire che non mi ha deluso, anzi risulta più delicata.

Joynho ha detto...

Ciao, prima di tutto complimenti per il blog!
Se ti va, visto che sei esperta di cucina, volevo segnalarti una community che avevo in testa e che ho creato: www.cityfan.it …
Visto che ce ne sono pochi utenti esperti di cucina e capaci di dare un giudizio critico, potresti recensire i ristoranti e le pizzerie non per l’architettura e il servizio, ma per come si mangia!
Verrò a leggerti spesso, così ingrasso virtualmente!!!!
A presto!

raissa79 ha detto...

Grazie Joynho per l'interessamento e per il complimento, ma esperta di cucina direi di no! :-) Cmq mi affaccerò di sicuro al tuo sito.

briciola47 ha detto...

Avevo sempre mangiato la paiata, di vitello o d'agnello, arrostita da sola o poi ripassata al sugo.
La tua elaborazione, con patate, carote, cipolla, mi tenta. Ti farò sapere.

salsadisapa ha detto...

ma che brava raissa, hai cucinano un piatto difficilissimo, uno di quelli che se non son fatti più che bene risultano sgradevoli... quindi, doppiamente brava :-) io l'ho mangiata solo un paio di volte quando stavo a roma... chissà se qui si trova la pajata? saluti! :*

raissa79 ha detto...

Salsina credo di si, nelle marche e nell'umbria si trova, anzi questo periodo con gli agnelli poi è più facile perchè serve la pajatina da latte (lo so fa un po' senso poverini...). Grazie per i complimenti in effetti ero pronta a gettare tutto! Invece mi è andata bene! :-)

Gardagami ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Dolcetto ha detto...

Per me è una novità, a dir la verità non so bene di cosa si tratti ma sembra davvero buona... Chissà se riesco a trovarla anche in lombardia... andrò alla scoperta!

Corsaro ha detto...

Ciao Raissa, ma questa pajata me la magno a metà aprile! Dovrei venire a Roma, una buona occasione per rincontrarci.

raissa79 ha detto...

Edo, se vieni a Roma e non me lo fai sapere ti picchio! Anzi se ti serve un appoggio non hai che da chiederlo! I numeri ce li dovresti avere! Saremo felice di vederti!

Corsaro ha detto...

ho fuso il palmare a forza di connettermi per il mio blog, e ho perso un sacco di numeri.Rimandami i vostri numeri a cascinapeschiera@libero.it Se vengo a Roma vi avverto di sicuro. Sarà una toccata e fuga, ma l'importante è vederci!

raissa79 ha detto...

Fatto! :-)