venerdì 4 gennaio 2008

Il tiglio Isola San Biagio

Il 27 dicembre approfittando delle vacanze natalizie al mio paese natìo abbiamo deciso di affrontare una giornata sugli sci a Sarnano, per pranzo ci siamo spostati in un posticino che ci era rimasto nel cuore quest'estate ( Il Tiglio) dove abbiamo ritorvato lo stesso ambiente, lo stesso calore, ma una cucina ancora migliore. Appena seduti ci viene offerto un aperitivo con spumante della cantina Le Caniette di Offida accompagnato da una fetta di pane all'uvetta con un piccolo bocconcino di foie gras con sopra una marmellata di passito. Scegliamo per il pasto un vino della stessa cantina Morellone 2001 e si rivelerà un'ottimo accompagnamento per il pasto a base di carne. La degustazione continua con un ottimo sformato di cavolo e patate racchiuso da una gabbia di capelli d'angelo al forno con pancetta croccante e crema allo zafferanoSegue un piatto di ottimi salumi artigianali: coppa e prosciutto cotto appena fatti da loro, accompagnati da fettine sottili di mela e noci e un filo di olio buonissimo di una piccola produttrice di Ripatransone(scelto anche per la degustazione, verrà infatti versato in una ciotolina per intingerci il pane).
Arriva l'antipasto che più di tutti mi ha emozionato riportando alla mia mente dei belissimi ricordi infantili, quando mia nonna mi preparava un piatto molto simile: una specie di panbrioche che racchiude coratella con uovo profumata al limone con una piccola crema di parmiggianoIo salto il primo dei due primi e mio marito invece continua con tagliatelle allo speck d'oca e pomodoro con salsa all'arancia versata al momento, invece a me viene mandato un piatto di mortadella d'oca con la stessa salsa d'arancia (pensiero molto gradito)













Segue il secondo primo, davvero buonissimo, polenta bianca cotta in busta con cinghiale e fonduta

A questo punto saremo già sazi e indecisi tra saltare il secondo e prenderne uno in due per tenere spazio per il dolce, ma lo chef ha deciso per noi e ci arrivano due piccole porzioni di spezzatino di agnello, naturalmente obbligo l'assaggio e devo ammettere che se anche non è tra le mie carni preferite si rivelerà molto delicato e morbido. Scegliamo i due dolci, crema profumata al basilico per me con sotto un biscotto al cacao e crostata ai frutti di bosco e frutta secca per mio marito che lo accompagna con un bicchiere di passito di verdicchio. Dalla cucina arriverà anche un assaggio di bicerin al caffè, la mia crema era semplice, ma molto buona anche se il basilico non si sentiva quasi per nulla, carina l'idea di presentarla in un vaso sottovuotoIl pranzo si è concluso con una piacevola chiacchierata con lo chef che ringrazio per la gentilezza con la promessa di ritornare in primavera. E' davvero un piccolo gioiello, il conto poi quasi ridicolo, in due 70 euro, 25 i due menu degustazione, 18 il vino e 3 il passito.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Bellissimi bambini,
sono proprio contento quando leggo delle vostre scorribande gastronomiche...
spero abbiate passato delle bellisime festività, gli auguri ve li ho già mandati via mail,
qui solo un abbraccione forte .... fortissimo dal Casentino!!!!
A presto
Rui

Anonimo ha detto...

cccccccccccc

Anonimo ha detto...

condivido pienamente le emozioni della casuale frequentatrice del tiglio che conosco benissimo e che ho visto crescere pian piano. è un vero gioiello incastonato tra altri piccoli gioielli, quali il panorama, l'aria pulita, l'acqua sorgiva ben 4 fonti)ed i prodotti del luogo. è un posto delizioso che stacca la spina del quotidiano per consentire una meditazione psico-gastronomica. talvolta, su richiesta, è possibile fare una scorpacciata vecchio stile, ma dovrete implorare enrico perchè ciò accada......un amico....vicino.

raissa79 ha detto...

Simoooo che bello leggere un tuo commento! Scorribande gastronomiche ne facciamo poche, festività tutte in famiglia e voi? Siete riusciti a riposare un po'? Stiamo decidendo quando vedervi...speriamo prestissimo di tornare nel vostro gioiellino gastronomico!Un bacione grandissimooooooo!

raissa79 ha detto...

Ciao amico di Enrico, noi speriamo invece che continui a cucinare così, è davvero bravo e simpatico, anche questa volta non c'ha fatto andare via a mani vuote, ci ha regalato 6 salsicce, è davvero gentile, è bello sapere che ci sono piccoli angoli così.

Anonimo ha detto...

... il Casentino vi aspetta a braccia aperte....
riposare ???
ma quando mai!!!
aspetto presto vostre notizie,
bacioni
Rui

Anonimo ha detto...

top [url=http://www.001casino.com/]free casino games[/url] brake the latest [url=http://www.casinolasvegass.com/]casino online[/url] unshackled no store reward at the chief [url=http://www.baywatchcasino.com/]no lay down tip
[/url].